29 Utente Online
29 Utente Online
13 utenti sono su:
/forum-vecchio.php
2 utenti sono su:
/forum-vecchio.php/skin/board
2 utenti sono su:
/forum-vecchio.php/technote7
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/technote7/skin_shop
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/images
1 è sulla pagina:
news.php
1 è sulla pagina:
forum-vecchio.php
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/plugins
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/ktmllite/images
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/bbs
1 è sulla pagina:
/news.php/assets/bbs/skin/buzzard_espoon
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/_sys/_ext
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/appserv/images
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/bbs/technote7

 

 

BANNER

Dettaglio Notizia

Celebrato il 12° Sissizio
Notizia inserita il 05 /09 /2007
Articolo letto 40459 volte
Santa Caterina Organizzato dallo scrittore Salvatore Mongiardo
Celebrato il dodicesimo Sissizio La non violenza alla base del convivio

Gianni Pitingolo
Soverato
Si è conclusa con successo la XII edizione del "Sissizio di Re Italo", promosso ed organizzato a Santa Caterina della Jonio dallo scrittore calabrese Salvatore Mangiardo (autore di tre volumi prestigiosi: "Ritorno in Calabria", "Viaggio a Gerusalemme" e "Verso il paradiso").
A differenza delle edizioni precedenti, questa volta alla manifestazione hanno preso parte esponenti del mondo della scuola, dell'arte, della carta stampata e della televisione, dell'editoria e delle politica provenienti da ogni parte della Calabria e dalle regioni limitrofe Campania e Sicilia: tutti riuniti in spirito di amicizia nella terra di Re Italo, Pitagora, Cassiodoro, San Francesco di Paola, Gioacchino da Fiore e Tommaso Campanella.
«Il sogno più grande di tutti i tempi – afferma Mongiardo – è la fine della violenza; un male antico che purtroppo ha proliferato in tutte le forme culturali, religiose e sociali. Oggi – ha aggiunto, rivolgendosi in particolare ai rappresentanti dei 3 atenei calabresi e a quelli della vicina Messina e Salerno – grazie all'avanzata tecnologia abbiamo la possibilità di studiare tutto e di ottenete collegamenti ed informazioni in tempo reale eppure in nessuna parte del mondo c'è un'università, una facoltà o un dipartimento che si dedichi allo studio ed al coordinamento degli studi sull'origine della violenza. È incalcolabile il costo umano ed economico della violenza, senza la quale l'umanità intera potrebbe vivere nella pace e nel benessere».
La proposta di Mongiardo di costituire in Calabria un centro di studio sull'origine della violenza è stata accolta con grande entusiasmo da tutti i partecipanti ai quali, tra l'altro, è stato offerto il simbolo dell'anti-violenza: un gigantesco bue di pane, realizzato dall'artista Pasquale Mirarchi al biscottificio di Isca sullo Jonio, così come fece Pitagora che lo offrì ai suoi contemporanei rifiutandosi di uccidere l'animale in sacrificio con il conseguente spargimento di sangue. Per la prossima edizione, il Sissizio della rifondazione dell'Italia verrà celebrato nella cittadina di Davoli con un programma ancora pi ricco e più interessante mirato alla realizzazione di uno dei più grandi sogni dell'umanità: "Stop alla violenza di ogni genere sul pianeta terra".
Il trofeo di Re Italo, a partire dalla prossima edizione, verrà assegnato all'ente organizzatore della manifestazione, mentre alla città ospitante verrà rilasciata una pergamena ricorso che sarà consegnata al sindaco.

(dalla Gazzetta del Sud di martedì 4 settembre 2007)

è doveroso pubblicare questa notizia , dato che Salvatore Mongiardo (stimato scrittore) è considerato di adozione San Sostenese , visto che vi abita.

 

 

 

 

Tutte le informazioni, le foto e le poesie sono state gentilmente concesse da alcuni paesani , ne è pertanto vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione.
Copyright © 2000-2005" La piazza di Davoli " di Stefano Procopio. Tutti i diritti riservati.