35 Utente Online
35 Utente Online
9 utenti sono su:
/forum-vecchio.php
2 utenti sono su:
/news.php/skin
2 utenti sono su:
/forum-vecchio.php/component
1 è sulla pagina:
/news.php/santabarbara
1 è sulla pagina:
forum-vecchio.php
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/bbs
1 è sulla pagina:
index.php
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/_sys/_ext
1 è sulla pagina:
news.php
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/skin
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/album
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/components
1 è sulla pagina:
/news.php
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/dompdf
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/assets
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/e107
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/ktmllite/images
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/technote7
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/appserv/images
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/modules
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/images
1 è sulla pagina:
/album.php
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/_sys/images
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/modules/url(res:
1 è sulla pagina:
/forum-vecchio.php/bbs/technote7

 

 

BANNER

Dettaglio Notizia

Canoni acqua, sospesa la sentenza del giudice
Notizia inserita il 08 /06 /2007
Articolo letto 40735 volte
Davoli 
Canoni  acqua, sospesa la sentenza del giudice

SOVERATOÈ stata sospesa, dal giudice del Tribunale di Chiaravalle Centrale, l'efficacia esecutiva della sentenza emessa dal giudice di pace di Davoli, relativa al ricorso per il pagamento dei canoni idrici per gli anni 1998/1999 e 2000. Il comune di Davoli, retto dal sindaco Cosimo Femia, con le sentenze emesse dal giudice di pace veniva condannato a pagare al pagamento dei legali di controparte per importi di circa 550 euro per procedimento ed, inoltre, al non pagamento di 56 euro annui per la fornitura di acqua nel triennio. Il giudice Livio Sabatini, firmatario della sentenza, ha rilevato «l'illegittimità dell'applicazione del canone minimo perché frutto di un'imposizione unilaterale ed iniqua da parte dell'ente locale».
«La sentenza – ha dichiarato Cosimo Femia – rappresenta per il comune di Davoli un primo accoglimento dei dubbi e delle perplessità già espresse sulla legittimità delle sentenze emesse dal giudice di pace di Davoli. Con questa sentenza – prosegue Femia – è stato permesso all'ente di respirare e uscire fuori dallo stato d'apnea in cui è stato sottomesso in questi mesi per effetto dell'attacco sfrenato da parte dei legali con atti ingiuntivi e pignoramenti». Il Tribunale ha dedotto l'erroneità delle sentenze del giudice di pace rilevando, tra l'altro, la mancata valutazione delle norme stabilite dal regolamento comunale e delle delibere Cipe, in forza delle quali è stato applicato il canone minimo.(c.b.)

(dalla Gazzetta del sud di venerdì 8 giugno 2007)

 

 

 

 

Tutte le informazioni, le foto e le poesie sono state gentilmente concesse da alcuni paesani , ne è pertanto vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione.
Copyright © 2000-2005" La piazza di Davoli " di Stefano Procopio. Tutti i diritti riservati.